4 Luglio 2023
Agriturismo, Coldiretti Lazio: scadrà l’11 settembre il bando della Regione

Scadrà l’11 settembre il bando della Regione Lazio sulla “Diversificazione delle attività agricole”, che prevede interventi per la creazione, il potenziamento e la qualificazione di attività multifunzionali comprese quelle agrituristiche.

La presentazione della domanda di sostegno dovrà avvenire sul portale del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN) al seguente indirizzo: http://www.sian.it, a totale carico e cura del beneficiario o suo delegato. E’ possibile rivolgersi pressi gli uffici di Coldiretti Lazio e gli uffici provinciali, per avere l’assistenza necessaria alla presentazione della domanda. 

Per le imprese agricole che svolgono o intendano svolgere attività agrituristiche, sarà possibile usufruire di investimenti per l’ospitalità in alloggi o spazi aperti destinati alla sosta di campeggiatori, ma anche per la somministrazione di pasti e bevande, con preferenza per i prodotti tipici e tradizionali e per quelli a marchio Dop, Igp, Igt, Doc e Docg.

Il costo totale dell’investimento finanziabile non potrà mai essere superiore a 500mila euro e il contributo pubblico viene erogato in regime “de minimis” per un importo massimo di 200mila euro. Le aliquote di contributo pubblico vanno dal 40% al 60% del costo totale dell’investimento.

Il bando, che si applica su tutto il territorio regionale, con priorità alle aree rurali C e D, è rivolto agli agricoltori attivi. Non sono ammissibili le imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti dell’Unione per gli aiuti di Stato nel settore agricolo e forestale e degli orientamenti dell’Unione in materia di aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà.

Tra gli interventi previsti rientrano quelli relativi allo sviluppo di attività agrituristiche per l’ospitalità in alloggi o in spazi aperti, destinati alla sosta di campeggiatori, ma anche per la somministrazione di pasti e bevande, comprese quelle a carattere alcolico e superalcolico, in misura prevalente derivanti da prodotti propri e per il prodotto extraziendale, con preferenza per i prodotti ottenuti da aziende agricole presenti nel territorio regionale e, per i prodotti tipici e tradizionali e per quelli a marchio DOP, IGP, IGT, DOC e DOCG.

Sono previsti, inoltre, investimenti per la degustazione di prodotti aziendali, compresa la mescita di vino, ma anche investimenti per la fornitura di servizi integrati e accessori all’attività agrituristica attraverso l’organizzazione, direttamente o mediante convenzioni con gli enti locali, di attività ricreative, culturali, didattiche, di pratica sportiva, nonché attività escursionistiche e di ippoturismo, anche all’esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell’impresa, finalizzate alla valorizzazione e conoscenza del territorio e del patrimonio rurale, ed alla migliore fruizione degli stessi.

Oltre agli interventi per lo sviluppo di attività agrituristiche, sono previsti anche quelli di trasformazione e vendita diretta dei prodotti tipici, quelli relativi alle altre attività multifunzionali, fino a quelli per la fornitura di servizi multifunzionali di natura ambientale, svolti dall’impresa agricola per la cura e manutenzione di spazi non agricoli

 

.
Follow me on Twitter
This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

Marzo: 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Archivi

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi