19 Settembre 2023
Cinghiali, Coldiretti Roma lancia l’allarme sul dilagare dei nuovi casi di Psa al Nord Italia

Sacchetti: Sostenere finanziariamente gli allevatori che sono stati costretti ad abbattere migliaia di capi suini e attualmente privi di reddito”. 

Alla luce dellaumento considerevole dei casi di peste dei cinghiali, che sta non nuovamente dilagando al Nord Italia, determinando ulteriori abbattimenti di suini, crediamo sia inevitabile intervenire anche nel Lazio, dove le aziende che hanno dovuto abbattere migliaia di suini sani, sono senza ristori e hanno lattività ferma”. Così il presidente di Coldiretti Roma, Niccolò Sacchetti, sui nuovi casi di peste suina che si stanno registrando in forte aumento al Nord Italia, con danni alle aziende suinicole e agli agricoltori che continuano a vedersi le colture distrutte, in alcuni casi fino all’80% del raccolto.

Nella Capitale e nella provincia si calcola la presenza di oltre 20 mila cinghiali. Un numero destinato a crescere, che nel Lazio supera le 100 mila presenze di ungulati.

Una situazione - prosegue Sacchetti - che rischia di compromettere irreversibilmente con danni incalcolabili alle filiere agroindustriali legate agli allevamenti di suini che garantiscono reddito, occupazione ed indotto. Ridurre numericamente la specie cinghiale significa anche rallentare la diffusione della peste suina e tutelare le aziende suinicole, che da più di un anno, dopo aver abbattuto migliaia di capi sani, non percepiscono ristori e neanche redditi”.

I branchi si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi, distruggono i raccolti, aggrediscono gli animali, assediano stalle, causano incidenti stradali con morti e feriti e razzolano tra i rifiuti con evidenti rischi per la salute e il rischio di contagi nelle aziende suinicole aumenta.

Eurgente sostenere finanziariamente gli allevatori - spiega il direttore di Coldiretti Roma, Giuseppe Casu - che lo scorso anno sono stati costretti ad abbattere migliaia dei loro capi di suini sani. Ad oggi sono fermi con la loro attività, che non genera più reddito e senza un sostegno finanziario”. 

Gli attacchi dei cinghiali non risparmiano neanche le vigne. Branchi di ungulati stanno danneggiando quintali di uva nella sua fase di maturazione finale, a fronte di una vendemmia che nel Lazio sarà addirittura pari allo zero in alcune aziende a causa della peronospora, che ha causato un calo che va dal 20% al 90%. Numerose le colture danneggiate dalle carote a Maccarese, alle patate, fino alle radici degli alberi da frutto, al mais. Con produzione che rischiano di scomparire, mettendo a rischio la nostra biodiversità. Sono già numerose le aziende, che dopo anni sono state costrette a cambiare tipo di coltivazione e riconvertire i loro terreni a causa dei danni subito dai cinghiali.

 Leccessiva presenza degli animali selvatici è una vera e propria emergenza - conclude Sacchetti -  che incide sulla sicurezza delle persone, oltre che sulleconomia e sul lavoro, specie nelle zone più svantaggiate”.

 

.
Follow me on Twitter
This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

Marzo: 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Archivi

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi